fbpx
Viale Colombo 189/b, Quartu Sant'Elena - 09045
+390702040248
info@centromedicohb.it

Blefaroplastica

Un centro dedicato al Paziente

Cosa è la Blefaroplastica?

La Blefaroplastica, più comunemente nota come chirurgia estetica delle palpebre, è una
procedura di chirurgia estetica che ha come obiettivo la riduzione della lassità cutanea ovvero la pelle in eccesso delle palpebre o l’asportazione del grasso sotto gli occhi (borse), creando
così una piacevole armonia del complesso palpebra-sopracciglio.
La pelle durante l’invecchiamento perde elasticità.


La blefaroplastica è consigliata in caso di:
– Lassità o eccesso della pelle delle palpebre.
– Borse agli occhi, associate ad abbondanza di grasso periorbitario.
– Occhi cadenti, ad esempio una palpebra inferiore cadente, che conferisce uno sguardo
triste e stanco. In questo caso possono essere interessate le palpebre superiori
(blefaroplastica superiore), le palpebre inferiori (blefaroplastica inferiore) o entrambe
(blefaroplastica completa).
– Pelle in eccesso sopra gli occhi, nella zona della piega delle palpebre.

Preparazione
La blefaroplastica, come la maggior parte degli interventi di chirurgia estetica è una procedura personalizzata. Per questo è fondamentale una attenta anamnesi patologica e farmacologica per capire se il paziente assuma farmaci che possano controindicare l’intervento, o che debbano essere sospesi qualche giorno prima.
Prima di sottoporsi all’intervento di blefaroplastica è necessario evitare di assumere sostanze che possano provocare effetti collaterali.
È il caso dei farmaci anticoagulanti e antiaggreganti (per esempio l’aspirina), i quali dovrebbero essere sostituiti con altri farmaci durante i giorni che precedono e che seguono
l’intervento.

Intervento
L’intervento di blefaroplastica può essere eseguito in anestesia locale pura, con una sedo-analgesia, o in anestesia generale.
Sarà cura del paziente preparare dei dischetti di cotone bagnati con acqua, strizzati, e conservati per qualche ora in freezer, da applicare sulle palpebre una volta terminato l’intervento, per ridurre il rischio di ematomi e edema.
Si può parlare di:
blefaroplastica superiore quando si agisce sulle sole palpebre superiori
blefaroplastica inferiore quando si agisce sulle sole palpebre inferiori. Una tecnica molto
particolare e specifica della blefaroplastica inferiore è la blefaroplastica
transcongiuntivale.
blefaroplastica completa quando si agisce su entrambe le palpebre

Le ferite chirurgiche sono sapientemente nascoste all’interno delle pieghe naturali e risultano, una volta guarite, quasi invisibili.
Una volta rimosso il tessuto in eccesso si procede alla coagulazione di eventuali vasi sanguigni e successivamente vengono applicati dei sottilissimi fili di sutura e dei cerotti che devono rimanere in loco per 5-7 giorni. Il paziente avrà particolare cura nel non bagnare le ferite durante questo periodo.
E’ possibile che i cerotti si sporchino di sangue nelle ore successive dopo l’intervento chirurgico, non è una complicanza grave, e solitamente è risolvibile con un leggero tamponamento e poi con la sostituzione dei cerotti. Se il sanguinamento persiste è opportuno contattare il chirurgo per un controllo.

Decorso post operatorio
L’immediato post-operatorio è caratterizzato da ecchimosi e gonfiore delle palpebre, fenomeno riducibile con l’apposizione di ghiaccio e con l’assunzione di posizioni semi-sedute durante le prime notti dopo l’intervento chirurgico. L’assunzione peri-operatoria di cortisone può aiutare a ridurre l’edema postoperatorio.
Il fastidio è generalmente controllabile con i normali analgesici e non necessita di terapie intramuscolari o endovenose. Questo va via via riducendosi sino a scomparire del tutto nel giro di 2-7 giorni.
I lividi vanno attenuandosi sino a scomparire del tutto in circa 5-10 giorni. Il gonfiore soprattutto mattutino può persistere anche per 15-30 giorni, a seconda della predisposizione individuale del paziente.
I punti di sutura si rimuovono in genere dopo 5-7 giorni. Le cicatrici possono rimanere arrossate e ispessite sino ad un paio di mesi, per poi via via assottigliarsi e schiarirsi. Sarà cura indispensabile del paziente applicare quotidianamente una crema schermo solare totale sulle cicatrici per almeno sei mesi, per evitare la pigmentazione delle stesse.

Rischi
I rischi della blefaroplastica sono a breve e a lungo termine.
Tra quelli a breve termine ci sono il sanguinamento postoperatorio, che può arrestarsi con una lieve compressione o avere necessità di una termocoagulazione chirurgica, e l’infezione delle ferite, molto rara se il paziente assume regolarmente la profilassi antibiotica.
I rischi a lungo termine sono: la formazione di cicatrici ipertrofiche o antiestetiche, migliorabile con varie tecniche; il lagoftalmo, o scleral show, cioè la retrazione della palpebra superiore o inferiore data dalla cicatrizzazione, che lascia intravedere una porzione bianca dell’occhio che normalmente non è visibile; hollow eyes, ovvero l’aspetto “vuoto” dei tessuti attorno al bulbo oculare, a causa dell’asportazione esagerata del tessuto adiposo orbitario.

Controindicazioni
Non vi sono controindicazioni assolute a questo intervento, nonostante sia sempre necessaria una accurata visita preoperatoria e un colloquio sulle aspettative del paziente.
Tra le controindicazioni relative troviamo: trattamento recente del 1/3 superiore del viso con tossina botulinica, in quanto il sollevamento dell’arcata sopraccigliare può falsare la quantità di tessuto da rimuovere; l’aspetto “vuoto” della palpebra e la mancanza di cute in eccesso: è necessario in questo caso orientarsi verso altre tecniche di ringiovanimento orbito-palpebrale.

Risultati
Il risultato è definitivo dai 2 ai 6 mesi postoperatori. Le cicatrici, se ben curate e protette dal sole, risultano praticamente invisibili ad occhi aperti e poco o per niente visibili ad occhi chiusi.
L’obiettivo della blefaroplastica è quello di restituire all’occhio un aspetto più giovane, armonizzandolo con l’arcata sopraccigliare. Il risultato migliore è quello naturale.

Costi
I costi sono variabili a seconda che si trattino le palpebre superiori o inferiori, con o senza l’assistenza di un anestesista, e variano dai 1000 ai 1200 euro per palpebra.

Altre Tecniche
Oltre alla blefaroplastica chirurgica propriamente detta esiste una tecnica mini-invasiva (blefaroplastica non chirurgica) con la quale si ottengono risultati molto soddisfacenti anche se non comparabili a quelli di una blefaroplastica chirurgica: la Blefaro con radioskin.
Il Radioskin è uno strumento che crea delle micro-lesioni sulla parte più superficiale della cute, che agiscono sia stimolando la rigenerazione del collagene sottocutaneo, migliorando l’elasticità della pelle, sia facendo retrarre la cute trattata, “accorciando” di fatto la palpebra. Il trattamento di blefaroplastica senza bisturi è meno invasivo e può essere effettuato con la sola applicazione di una crema anestetica. La sua durata è di circa 45-60 minuti, ed è ripetibile dopo 30-45 giorni.

Il discomfort o sconforto post-operatorio è molto limitato, si manifesta con fastidio alla zona trattata, edema palpebrale che si risolve in 2-4 giorni e arrossamento cutaneo, mascherabile con il trucco.
E’ raccomandato utilizzare una crema antibiotica sull’area trattata per 2-3 giorni e
successivamente una crema solare anche colorata, con fattore protettivo totale, per i sei mesi successivi.
Non vi sono complicanze quali lividi o sanguinamento.
I costi variano dai 400 ai 600 euro a seduta, a seconda dell’ampiezza dell’area trattata.