fbpx
Viale Colombo 189/b, Quartu Sant'Elena - 09045
+390702040248
info@centromedicohb.it

Tiroide, una ghiandola da non sottovalutare!

Un centro dedicato al Paziente

La tiroide regola le principali funzioni del nostro corpo, influenzando il peso, il sonno, la temperatura, il sistema nervoso e la frequenza cardiaca. La scelta di far luce su quest’organo, specchio della nostra salute, è giustificata dall’elevata diffusione della patologia tiroidea e dal suo impatto sulla qualità della vita in tutte le fasce di età.

Le alterazioni della tiroide possono essere di due tipi: strutturali e funzionali.
Nel primo caso siamo in presenza di noduli o cisti; Nel secondo caso si tratta di situazioni caratterizzate da uno squilibrio ormonale.

noduli, di natura benigna o maligna, possono essere numerosi e aggregarsi tra loro, andando a formare quello che si chiama gozzo multinodulare, oppure sono formazioni singole di piccola o grande entità ma a volte di dimensioni considerevoli tali da determinare problemi a nervi e trachea. Le cisti sono invece formazioni a contenuto liquido che possono raggiungere anche i tre centimetri di lunghezza ma raramente possono considerarsi preoccupanti.

Quando parliamo di squilibrio ormonale, questo crea diversi disturbi che, molto spesso, non vengono presi in considerazione come dovrebbero. Le alterazioni tiroidee funzionali possono avere un duplice seguito: la eccessiva o mancata produzione di ormoni tiroidei è responsabile, rispettivamente, dell’ipertiroidismo o dell’ipotiroidismo.

Quando parliamo di ipertiroidismo il metabolismo del paziente è accelerato: la persona è soggetta a palpitazioni cardiache, sudorazione, dimagrimento, stanchezza, disturbi ansioso-depressivi e, più raramente a disturbi dell’alvo e del ciclo mestruale nella donna.

Con l’ipotiroidismo, situazione opposta, si manifesta con un rallentamento del fisico umano, quindi il paziente solitamente è stanco, sente freddo, tende ad ingrassare, riferisce affaticabilità, presenta rallentamento dell’attività cardiaca e, più raramente, disturbi dell’alvo ed irregolarità mestruali nella donna.

Quali potrebbero essere i sintomi di un alterazione della tiroide?

I sintomi delle malattie della tiroide sono comuni a molte malattie, perciò è talvolta difficile individuare e identificare un problema dovuto ad una disfunzione della tiroide.

Alterazione del peso: Nell’ipotiroidismo caratterizzato da un aumento del peso (per ridotta attività metabolica e per aumento della ritenzione dei liquidi) e nell’Ipertiroidismo, da una diminuzione (a causa di un’accelerazione del metabolismo)
Debolezza e stanchezza: A causa della perdita di energia e forza muscolare.
Disturbi intestinali, secondari all’azione sulla muscolatura intestinale degli ormoni tiroidei, che nel caso dell’ipertiroidismo, si caratterizza per un aumento della contrazione muscolare intestinale con produzione di feci poco formate. Nel caso dell’ipotiroidismo si assiste, per ridotta motilità intestinale, al fenomeno opposto, cioè a stitichezza.
Sensazione di caldo nell’ipertiroidismo e di freddo nell’ipotiroidismo: Questo è dovuto ad un disaccoppiamento energetico tra necessità metaboliche dell’organismo ed alterata funzione della tiroide. Ciò significa che l’organismo produce più o meno calorie rispetto alle necessità del corpo per effetto di un eccesso o difetto di ormoni tiroidei. Questo eccesso o difetto di calorie è responsabile della sensazione di caldo o di freddo.
Alterazione dell’attività cardiaca: Per effetti diretti degli ormoni tiroidei sulle fibrocellule muscolari cardiache, sulle pareti vascolari e sul sistema neuro-vegetativo. Quindi, in presenza di un eccesso di ormoni tiroidei il paziente riferisce frequenza cardiaca accelerata (tachicardia) e palpitazioni, mentre in presenza di una ridotta produzione l’ammalato presenta un battito cardiaco lento (bradicardia), un respiro corto sotto sforzo e dispnea (mancanza di respiro).
Disturbi intestinali secondari: Dovuti all’azione sulla muscolatura intestinale degli ormoni tiroidei, che nel caso dell’ipertiroidismo, si caratterizza per un aumento della contrazione muscolare intestinale con produzione di feci poco formate. Nel caso dell’ipotiroidismo si assiste, per ridotta motilità intestinale, al fenomeno opposto, cioè a stitichezza.
Disordini del ciclo mestruale e problemi di fertilità: Il legame tiroide/fertilità non è del tutto chiaro, ma è comunque certo. Tra le cause che potrebbero interferire direttamente con l’impianto dell’ovulo fecondato l’autoimmunità tiroidea da sola o in associazione con altri tipi di autoimmunità sconosciuti sembrerebbe essere la responsabile.

Quali sono gli esami di approfondimento consigliati?

Gli esami che si prescrivono solitamente per la tiroide sono i controlli diagnostici che servono a stabilire lo stato di salute, quindi la sua funzionalità ed eventuali anomalie:

Dosaggio nel sangue del TSH: Questo dosaggio è un protocollo diagnostico che, in prima istanza, valuta il solo TSH che, se normale, non darà seguito alla misurazione degli ormoni tiroidei liberi (FT4 e FT3), che saranno, invece, valutati sullo stesso campione di sangue se il suo valore è fuori dall’intervallo di normalità. Il metodo, quindi, serve soprattutto a risparmiare risorse e ad evitare inutili sprechi di analisi poco utili.
Ecografia doppler della tiroide: Esame non invasivo, non doloroso, non associata a somministrazione di radiazioni e pertanto eseguibile a qualsiasi età ed in qualsiasi periodo della vita fertile
Test degli autoanticorpi tiroidei: Per evidenziare fenomeni immunologici verso le cellule tiroidee. Questi dosaggi vanno effettuati solamente nel sospetto di un danno alla tiroide evidenziabile ecograficamente oppure in presenza di un’alterata funzione


Quali possono essere invece le terapie consigliate?

Le soluzioni per curare ipo- e ipertiroidismo devono essere attentamente discusse con il proprio specialista. Nei casi di ipotiroidismo si utilizza una terapia sostitutiva dell’ormone mancante con un ormone sintetico (viene prescritto in assoluta sicurezza a donne in gravidanza e bambini). La terapia per l’ipertiroidismo invece consiste nella somministrazione di farmaci anti-tiroidei, quando non vi sia indicazione a terapie cosiddette definitive (ad es. terapia chirurgica o radiometabolica).


Per prenotare la tua visita con la nostra Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio puoi contattarci al numero 0702040248 o tramite whatsapp/sms al numero 3274980868.
Oppure direttamente online al link https://centro-medico-hb.reservio.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *